domenica 6 luglio 2008

La costituzione spagnola non assegna alcun privilegio alla chiesa, quella Italiana?


I socialisti spagnili vogliono abolire i simboli cattolici dalle istituzioni; e dunque niente più funerali cattolici di Stato ma neanche più crocefissi nelle aule in cui si celebrano atti pubblici
I socialisti spagnili vogliono abolire i simboli cattolici dalle istituzioni; e dunque niente più funerali cattolici di Stato ma neanche più crocefissi nelle aule in cui si celebrano atti pubblici.La direzione del partito ha proposto all'assise del 37esimo congresso, iniziato ieri a Madrid, un emendamento che raccoglie le istanze presentate da una serie di federazioni e che sarà votato oggi. L'emendamento contiene un severo alto-là alla Chiesa cattolica che «deve essere cosciente», recita il testo, che la Costituzione «non le assegna nessun privilegio».L'intenzione è quella, come ha detto il premier Josè Luis Rodriguez Zapatero durante il congresso, di «non fare un passo indietro» nel suo progetto di consolidare e estendere le libertà e i diritti. Il Psoe riafferma che «la concezione laica dello Stato è un segno di identità del bagaglio politico del socialismo»; e come necessità conseguente, il Psoe segnala «la sparizione della confessionalità che rimane negli spazi e nelle pratiche delle istituzioni pubbliche, come è il caso dei funerali di Stato o dei simboli religiosi negli atti pubblici».06/07/2008

1 commento:

CIRO SCIACQUALAQUAGLIA WALL STREET NEW YORK NAPLES ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.