mercoledì 10 settembre 2008

20 rinvii a giudizio

CALCIO E VIOLENZA
Assalto alle caserme romane Il pm chiede 20 rinvii a giudizioIl documento firmato dal magistrato sarà davanti al gup il prossimo 20ottobre, parla associazione per delinquere, devastazione, saccheggio,violenza, lesioni a pubblico ufficiale. La scheda degli ultrà9 settembre 2008 - Associazione per delinquere, devastazione, saccheggio,violenza, lesioni a pubblico ufficiale.Questi i reati per cui il pm Pietro Saviotti, a seconda delle posizioni,chiede il processo per 19 uomini ed una donna, ritenuti a diverso titoloresponsabili dei disordini avvenuti a Roma in occasione della morte diGabriele Sandri, l'irruzione ad un concerto rock della Banda Bassotti aVilla Ada, l'occupazione di uno stabile dell'Atac, il tentativo di dar fuocoad un campo nomadi.La parte più consistente del documento firmato dal magistrato dell'ufficiodell'accusa e che sarà davanti al gup il prossimo 20 ottobre, per l'udienzapreliminare, riguarda quanto avvenuto tra il tardo pomeriggio e la seradell'11 novembre dello scorso anno.Dopo la morte, sull'autostrada, in provincia di Arezzo, ad opera di unpoliziotto, di 'Gabbo dj'. Gli assalti alle caserme della polizia e deicarabinieri. Per quella vicenda inizialmente era stata ipotizzata anchel'aggravata del terrorismo. Ma ora gli inquirenti hanno deciso di noncontinuare su quell'aspetto. Del gruppo di venti, 14 sono detenuti incarcere od ai domiciliari, uno è latitante e cinque sono invece a piedelibero.Quattro degli imputati - Fabrizio Ferrari, Fabrizio Frioni, Francesco Ceci eFabio Pompili - sono coinvolti nei fatti di Villa Ada, avvenuto a finegiugno dello scorso anno, quando una ventina di persone a volto coperto edarmati di bastone fecero irruzione durante un concerto ferendo due persone.E' comunque un gruppo eterogeneo quello che è fissato nell'atto del pmSaviotti.Composto di persone tra i 35 e i 22 anni, tifosi dei club calcistici di Romae Lazio in massima parte. Legati ad ambienti dell'estrema destra, ma nonsolo.Promotori dell'associazione a delinquere sono ritenuti oltre a Ferrari eCeci, anche Alessandro Petrella e Andrea Attilia, Marco Turchetti. Chifaceva parte del gruppo - secondo l'accusa - avrebbe "preso parte adun'associazione finalizzata alla commissione di lesioni, violenza a pubblicoufficiale". In concreto - si legge nell'atto del pm Saviotti - "essiindividuavano di volta in volta obiettivi, reclutavano partecipi per azionimirate, spedizioni punitive nei confronti di giovani della sinistraantagonista romana o di tifoserie calcistiche - o per disordini di piazza,anche alla ricerco dello scontro con le forze di polizia, coordinandonel'attuazione e la copertura".Inoltre il gruppo accusato di associazione a delinquere attivava "uncostante rapporto con referenti di singoli gruppi, suscitandone eincitandone espressioni di contrapposizione violenta per motivi politici, diodio nazionale, di tifo calcistico, di disprezzo del personale di polizia,in forza del radicato inserimento negli ambienti dell'estremismo politico edelle tifoserie 'ultras'; disponevano di armi improprie, coltelli, petardida stadio, strumenti di travisamento; individuavano nei localidell'Excalibur e del Presidio (due pub romani) luoghi preordinati e consuetidi incontro e raduno.Coinvolti nell'associazione sono ritenuti anche Pierluigi Mattei, GianlucaColasanti, Fabrizio Frioni, Furio Natali, Matteo Nozzetti, Alessio Abballe,Roberto Sabuzi, Emanuele Conti e Matteo Costacurta. La ragazza coinvolta,Michela Ussia, 25 anni, insieme con Pompili è accusata di aver portato fuoridalla "propria abitazione e senza giustificato motivo di 8 coltelli dacucina e 24 tondini di ferro, ciascuno della lunghezza di circa 60centimetri e del diametro di 1,8 che occultavano in un cespuglio dentro unozaino rinvenuto in via Macchia della Farnesina, nei pressi dello stadioOlimpico in occasione dell'incontro di calcio Roma-Real Madrid, nel febbraiodel 2008.A Pierluigi Mattei è anche contestata l'aggressione, eseguita con altricinque ultras, di due vigili urbani, avvenuta in occasione dell'incontroLazio-Partizan. Costacurta, Ceci, Attilia, Turchetti e Giampiero Celani,invece per aver agito "in più di cinque persone, travisati e armati dispranghe, manganelli telescopici in ferro e bottiglie di vetro, facendoincursione nel locale 'Sally Brown', in via degli Etruschi, colpendoripetutamente con i strumenti di offesa il titolare, si impossessavano dinumerosi compact disc, di cimeli calcistici, di una tromba e di un liuto inottone e di alcune bandiere".20 A RISCHIO PROCESSO,CHI SONO -SCHEDAI ragazzi di piazza Vescovio. Più o meno vicini ai trent'anni, con qualcheprecedente penale ed un legame esplicito con il popolo delle curve nord esud dell'Olimpico.Provengono da questo mondo, vago e parcellizzato, i venti soggetti, 19uomini e una donna, per cui il pm Pietro Saviotti ha chiesto il rinvio agiudizio per l'inchiesta scaturita, in via principale, dai disordiniavvenuti in occasione della morte di Gabriele Sandri, nel novembre delloscorso anno. E per tutta un'altra serie di episodi che cominciano dal giugnodel 2007, dall'aggressione a Villa Ada, al concerto della 'Banda Bassotti',e arrivano alla metà di febbraio, quando fu eseguita l'ordinanza di custodiacautelare per molti degli attuali accusati.Alla base di quel documento c'era una mole enorme di intercettazioni. Il Rosdei carabinieri, dopo quell'episodio, avvenuto proprio davanti alle portedella caserma che ne è la sede, a due passi da via Salaria e dai quartieribene di Roma, hanno registrato ogni voce, ogni proposito, ogni esplosione.L'11 novembre, giorno in cui Sandri veniva ucciso sull'Autosole, vengonoascoltati anche alcuni conoscenti dello stesso dj, pianificarne la vendettain una notte in cui "Roma brucerà".Il rinvio a giudizio è stato chiesto per Fabrizio Ferrari 'Er Talpa', 23 anni; Fabrizio Frioni 'Fabrizzietto', 25; Francesco Ceci detto 'Er Nano', 31 anni; Fabio Pompili 'Fabione', 28; Alessandro Petrella, 28 anni; Matteo Nozzetti 'Er Vampiro', 25; Alessio Abballe, Marco Turchetti 'Ovo', Pierluigi Mattei, laziale del gruppo ultrà 'In Basso a destra',Emanuele Conti, 22 anni; Andrea Attilia 'Il Bulgaro', 22 anni tra pochi giorni; Roberto Sabuzi 'Il Capitano', 42 anni; Daniele Pinti 'Danielone', 21 anni; Gianluca Colasanti, 23 anni; Francesco Massa 'Er Ditta', 39 anni; Giampiero Celani, 29 anni; Martin Avaro, 28; Furio Natali, 43 anni; Matteo Costacurta, 24; e l'unica donna, Michela Ussia, 26 anni. Del gruppo 13 sono detenuti in carcere; uno, Colasanti, è ai domiciliari; 5(Pompili, Pinti, Avaro, Natali e Ussia) sono a piede libero; e uno, Massa,invece, è latitante dal marzo scorso.Il legame con la morte di 'Gabbo dj' è comunque un elemento sia per l'accusache per la difesa. Perché molte intercettazioni sono connesse a quei giorni,alla sera degli assalti alle caserme, a quella concitazione - argomentanoalcuni difensori - e quindi può essere in qualche modo spiegata. Così puòessere per alcune intercettazioni riferibili a Turchetti, che era con Sandriad Arezzo. O per Ceci che raggiunge l'amico nell'autogrill di Badia al Pino.Da febbraio ad oggi il castello dell'accusa ha comunque retto. Pochi sonoquelli che nel "merito" hanno ottenuto un provvedimento favorevole da partedel riesame.L'estremismo di destra è un legame tenue e causa per querele didiffamazione", si spiega. Al tempo stesso Avaro e Pinti sono esponentiriconosciuti di Forza Nuova. Il secondo è stato scarcerato dopo pochigiorni, nel febbraio scorso, e nei suoi confronti non è stato emesso alcunobbligo di legge. Avaro, che ha una pagina su wikipedia ed è stato candidatoalle elezioni con il movimento guidato da Roberto Fiore, è anche comparsonel documentario di Claudio Lazzaro: Nazirock, girato in occasione del campod'azione a Marta, vicino Viterbo, nel 2006.Avaro è accusato in concorso con Ferrari, Pinti e Nozzetti, e con altri nonidentificati, in numero superiore a dieci, perché nell'ottobre del 2007, peralcuni giorni, avrebbe occupato un immobile dell'Atac in viale Etiopia.Nulla c'entra quindi Avaro con l'aggressione a Villa Ada. Anche se ècoinvolto nella rissa avvenuta, pochi mesi fa, fuori l'università laSapienza. Il processo per lui comincerà a novembre. Sotto accusa però, inquella vicenda, ci sono anche due giovani di sinistra che avrebberomaterialmente iniziato lo scontro con quelli della contrapposta partepolitica.Ferrari, Frioni, Ceci e Pompili - invece - insieme con altri dovrannorispondere del blitz al concerto della 'Banda Bassotti'.Per gli altri coinvolti nella inchiesta del pm Saviotti ci sono le accuseconnesse agli scontri di novembre, dopo la morte di Sandri, el'organizzazione dei raid ripetuti al telefono e pensati nei localiExcalibur Scottish Pub e Presidio. I capi dell'associazione a delinquere -secondo il pm - erano Petrella, Ferrari, Attilia, Turchetti e Ceci.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
glielo dite voi a al vostro segretario di non sparare contro , ogni PROPOSTA ke disturba il gov......... e' buona , xcui spara ALTO aggiungi emendamenti x i disoccupati sono le prime dUe parole ke contano x i media , usa il bazuka ,possibile ke devo dirlo io ke ho fatto la 3 media , il PD SPARA VOI DOVETE ATTACCARE E DIFARE IL POTERE DI AL CAPPONE, A TUTTI I COSTI , TANTO , ORMAI , ........DITEGLIELO VOI A KI PUO' FARLO , LA BASE E' STUFA , NN CE LA FACCIAMO +' AD ESSERE CONTRO TUTTI , USIAMO LA TESTA MR, B. LA USA A KAZZZZZZZZ SUO ............

Anonimo ha detto...

AMMETTI CHE SEI UN MANDANTE DI ASSASSINI, CHE NON HAI FATTO AMMAZZARE SOLO GIOVANNI FALCONE, PAOLO BORSELLINO, E DECINE DI CAPI FAMIGLIA DELLE LORO SCORTE, MA ANCHE CORSO BOVIO, ADAMO BOVE, FRANCESCO MASTROGIOVANNI, STEFANO CUCCHI, NIKI APRILE GATTI, ATTILIO MANCA, ALDO BIANZINO, FEDERICO ALDROVANDI, MARCELLO LONZI, MANUEL ELIANTONIO, GIUSEPPE SALADINO, IHSSANE KAKHREDDINE, GIANLUCA DI MAURO, LORENZO NECCI, ANDREA PININFARINA, GIORGIO PANTO, STEFANO BELLAVEGLIA, MICHELE LANDI, TENTATIVAMENTE VIRGILIO DE GIOVANNI, TENTATIVAMENTE ANCHE ME, E PER QUESTO TI STARO’ ADDOSSO, FINO A 15 MINUTI DOPO LA MIA MORTE E NON FINO A 15 MINUTI PRIMA DELLA MIA MORTE. AMMETTI CHE SEI CANCRO D’ITALIA, E CHE DEVI QUINDI VENIRE ESTIRPATO AL PIU’ PRESTO. ORA, HO DA LAVORARE A COSE MOLTO PIU’ IMPORTANTI DI TE, E QUINDI, TUTTO IL RESTO DEL CRIMINALE CHE SEI, LO LASCIO PER UN PROSSIMO “HOTTONISSIMO” POST. Nista Michele by michelenista.blogspot.com

Anonimo ha detto...

AMMETTI CHE SEI UN MANDANTE DI ASSASSINI, CHE NON HAI FATTO AMMAZZARE SOLO GIOVANNI FALCONE, PAOLO BORSELLINO, E DECINE DI CAPI FAMIGLIA DELLE LORO SCORTE, MA ANCHE CORSO BOVIO, ADAMO BOVE, FRANCESCO MASTROGIOVANNI, STEFANO CUCCHI, NIKI APRILE GATTI, ATTILIO MANCA, ALDO BIANZINO, FEDERICO ALDROVANDI, MARCELLO LONZI, MANUEL ELIANTONIO, GIUSEPPE SALADINO, IHSSANE KAKHREDDINE, GIANLUCA DI MAURO, LORENZO NECCI, ANDREA PININFARINA, GIORGIO PANTO, STEFANO BELLAVEGLIA, MICHELE LANDI, TENTATIVAMENTE VIRGILIO DE GIOVANNI, TENTATIVAMENTE ANCHE ME, E PER QUESTO TI STARO’ ADDOSSO, FINO A 15 MINUTI DOPO LA MIA MORTE E NON FINO A 15 MINUTI PRIMA DELLA MIA MORTE. AMMETTI CHE SEI CANCRO D’ITALIA, E CHE DEVI QUINDI VENIRE ESTIRPATO AL PIU’ PRESTO. ORA, HO DA LAVORARE A COSE MOLTO PIU’ IMPORTANTI DI TE, E QUINDI, TUTTO IL RESTO DEL CRIMINALE CHE SEI, LO LASCIO PER UN PROSSIMO “HOTTONISSIMO” POST. Nista Michele by michelenista.blogspot.com